Alessandra Panelli Teatro Ricerca Integrazione

   

  Home | chi siamo | la storia | attività | teatro sociale | spettacoli | partners | testi e video | news | links

 

 

 

 

 

 

 


Spettacoli

 
Gli attori della compagnia
 

ALDO VILLANI CATERINA BRAZZI PACIFICO MARIOTTI
     

FRANCESCA CARLEVARO LUCA ANGELILLI COSTANZA CASTRACANE
     
PAOLO BELLARDINI RUGGERO DAMIANI SOFIA DIAZ
     

   

WANDA ZENNARO

   
 

 
cliccare sul titolo per visualizzare la scheda dello spettacolo
 

 

ASSOCIAZIONE DIVERSE ABILITA’ e DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE

Centro di Salute Mentale Municipio 12

Paradosso38? Teatro

"LA CASSETTA DELLE LETTERE"

Da un racconto di Agota Kristof
con Paolo Bellardini Caterina Brazzi Francesca Carlevaro
Costanza Castracane Ruggero Damiani Sofia Diaz
Pacifico Mariotti Angela Sajeva Wanda Zennaro
Voce padre Andrea Parlatore
Adattamento drammaturgico e regia Alessandra Panelli
Sound Designer: Hubert Westkemper
Movimenti coreografici: Alice Drudi
Lo spettacolo nasce dai Laboratori di :
Formazione dell’Attore: Alessandra Panelli e Costanza Castracane
Danza Terapia: Dott.ssa Anna Di Quirico
Improvvisazione: Sofia Diaz
Area Clinica :Dott.ssa Teresa Mastroianni
Collaborazione al progetto Stefania Longo
Luci e fonica Astrid Jatosti
Foto Maria Evelina Buffa Nazzari
 

SINOSSI

 

Tratto da un racconto di Agota Kristof, “La cassetta delle lettere” è la storia di un uomo cresciuto in orfanotrofio che, pur se adulto e perfettamente realizzato nel suo lavoro di scenografo, continuamente si interroga sulle sue origini. Ogni giorno si reca alla sua cassetta delle lettere nella speranza di trovare notizie di quella famiglia che non ha mai conosciuto.

Il racconto, reso corale da un’interpretazione drammaturgica, esplora, fra ironia, dramma e paradosso temi centrali per ognuno di noi quali l’abbandono, la costruzione della propria identità, la conquista dell’autonomia.

 


 

"I VIAGGI DI GULLIVER"

 

Associazione Diverse Abilità, CSM Distretto 12 DSM ASL Roma C, Dipartimento per la qualità della vite dell’ENEA, Laboratorio Teatrale Yogurt, Associazione Larice e Mirto

 

Progetto artistico di Alessandra Panelli e Igor Cossetto

Con: Anna Alessi, Luca Angelilli, Paolo Bellardini, Valerio Bonanni, Caterina Brazzi, Francesca Carlevaro, Costanza Castracane, Sofia Diaz, Laura Di Iorio, Orietta Graziano, Wanda Zennaro

 

Allestimento scenografico Antonio Grieco

Collaborazione drammaturgica Andrea Balzola

Progettazione del suono Hubert Westkemper

Disegno luci Roberto De Rubis

Fonico Ursula Marcone

 

Regia video Igor Cossetto e Lorenzo Baruffi

 

Regia Alessandra Panelli

 

SINOSSI (2003)

I Viaggi di Gulliver di Swift è un testo ricco di ironia sul potere e i politici dell’epoca. Gulliver non riesce a sostenere una vita familiare tradizionale  e coglie ogni occasione per rimettersi in viaggio. Il mare diventa il suo elemento mediatore. La sua ironia ed intelligenza gli fanno da filtro e lo rendono emotivamente immune da sconvolgimenti interiori anche durante gli incontri più inusuali. Ogni approdo su una nuova isola è preceduto da una tempesta come se, metaforicamente, per poter scoprire qualcosa di nuovo fosse costretto ad abbandonare le sue salde certezze e porsi nudo di fronte all’ignoto. Ogni viaggio è un incontro e un confronto con la diversità fisica e culturale di popoli nuovi.

 


 

"L’ISOLA CHE C’E’" Teatro, ricerca, integrazione: il laboratorio del Laurentino 38

 

Associazione Diverse Abilità, Centro di Salute Mentale Municipio XII- ASL Roma C, Comune di Roma Assessorato alle politiche per le Periferie, lo Sviluppo Locale,il Lavoro Dipartimento XIX Sviluppo e recupero delle Periferie

 

Progetto artistico e drammaturgia di Alessandra Panelli e Andrea Balzola

Scritto da Andrea Balzola

Con citazioni da: Baudelaire,Cèline, Gramsci, Gogol, Joyce, Kafka, Levi, Lorca, Melville, Morante, Rebora, Shakespeare,Silone

 

Con: Luca Angelilli, Paolo Bellardini, Caterina Brazzi, Francesca Carlevaro, Costanza Castracane, Ruggero Damiani, Sofia Diaz, Orietta Graziano, Daniele Monterosi, Giorgio Visicato, Wanda Zennaro

 

Con la partecipazione in video di Sebastiano Filocamo e Elena Capalbo

 

Regia Alessandra Panelli

 

Scenografia Antonio Grieco

Sound designer Hubert Westkemper

Allestimento audio e luci S.D.R. Raniero Terribili

 

 

SINOSSI  (2006)

 

Tutto cambia a seconda dello stato d’animo con il quale si vive e si attraversa la relazione con gli altri. La compagnia è chiamata a cogliere l’invito a “viaggiare dentro casa”, cioè osservare con uno sguardo più maturo e attento ciò che abbiamo vicino a noi, sia luoghi che persone, che spesso ignoriamo o diamo per scontato, attraverso il gioco drammaturgico, fra poesia e fantasia.

 

 

"LA CHIAVE  DELL’ASCENSORE" da Agota Kristof regia di Alessandra Panelli

 

Associazione Diverse Abilità e Centro di Salute Mentale Municipio XII- ASL Roma C

 

Liberamente tratto dall’opera di Agota Kristof

Adattamento drammaturgico e Regia Alessandra Panelli

 

Con : Luca Angelilli, Paolo Bellardini, Caterina Brazzi, Francesca Carlevaro, Costanza Castracane, Ruggero Damiani, Sofia Diaz, Aldo Villani, Wanda Zennaro, Pacifico Mariotti

 

Suono Hubert Westkemper

 

Luci e fonica Astrid Jatosti

 

SINOSSI (2010-2011)

 

La Chiave dell’ascensore è un racconto monologo al femminile che narra il conflitto fra un uomo e una donna. Un marito, “carceriere” che, per proteggere sua moglie dalle “insidie” della vita le fa perdere progressivamente, con l’aiuto di un medico compiacente, l’uso delle gambe, occhi e orecchi.  Restrizioni, limiti, gabbie che spesso ci vengono imposti dalla società ma che possono nascere anche da relazioni affettive che ci rendono dipendenti, di cui crediamo di avere bisogno e che, invece, possono rivelarsi come invisibili reclusioni.

 
 
clicca per visualizzare la rassegna stampa
 

 


 

Copyright (c) 2011. All rights reserved.